Bayern, la storia a lieto fine di Alphonso Davies: dal campo profughi alla Bundesliga

Bayern, la storia a lieto fine di Alphonso Davies: dal campo profughi alla Bundesliga

Il ragazzo, attualmente ai Vancouver Whitecaps arriverà ai bavaresi per 17 milioni di sterline. Lo riporta il The Sun

di Redazione ITASportPress

Una storia incredibile, dal lieto fine. E’ quella di Alphonso Davis, un giovanissimo calciatore dei Vancouver Whitecaps, club canadese di MLS, che approderà a gennaio al Bayern Monaco, per 17 milioni di sterline, la cifra più cara versata per un giocatore del massimo campionato nordamericano. Lo riporta il quotidiano britannico The Sun.

IL DRAMMA – Ma il passato del ragazzo è duro e difficile. Alphonso è nato in un campo profughi in Ghana nel 2000.

All’inizio della seconda guerra civile liberiana e prima della sua nascita, i genitori, Victoria e Debeah Davies, furono costretti a fuggire dalla loro terra natale. “Dovevi attraversare i corpi per andare a cercare da mangiare”, le parole della madre Victoria, “È stato difficile, era pericoloso”, quelle del padre Debeah. Dopo un lungo viaggio, hanno trovato rifugio nel campo profughi a Buduburam, nel distretto orientale di Gomoa, in Ghana, dove appunto è venuto alla luce il ragazzo.

OCCASIONE D’ORO – Da lì l’escalation: Alphonso si è iscritto al programma Free Footie – un’iniziativa doposcuola per i bambini del centro città che non possono permettersi le tasse di iscrizione alle scuole calcio. E’ stato notato dai Whitecaps, e due anni fa, all’età di soli 15 anni, Davies ha debuttato in Canada. Ora, a soli 18 anni, il grande salto di qualità al Bayern e la possibilità, magari, di calcare il palcoscenico della Champions League.

Quando i sogni diventano realtà…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy