Inter, Spalletti: “La Juventus vince perché compra i più forti, ma noi possiamo ridurre la distanza in classifica…”

Inter, Spalletti: “La Juventus vince perché compra i più forti, ma noi possiamo ridurre la distanza in classifica…”

“Loro non solo CR7…”

di Redazione ITASportPress

Conferenza stampa di vigilia per l’Inter e per Luciano Spalletti in vista della super sfida di venerdì sera contro la Juventus. Il magico derby d’Italia che metterà davanti la capolista della Serie A e la terza forza del campionato. Una gara unica che l’allenatore nerazzurro ha presentato ai media presenti. Ecco quanto dichiarato dal tecnico di Certaldo:

LA PIU’ FORTE – La Juventus domina e lo fa andando a prendere i calciatori più forti. Ecco quale è secondo Spalletti il segreto dei bianconeri: “Tutti gli anni prova a inglobare calciatori che possano fare ancor di più la differenza. Tre anni fa a Roma, dopo quei sei mesi, vennero a prenderci Pjanic: il più forte con De Rossi nella costruzione. L’anno scorso, uno dei terzini più forti del campionato che è Cancelo, vennero a strapparcelo. Fecero lo stesso con Higuain e oggi hanno preso un campione di primissimo livello che è Cristiano. Un portatore sano di mentalità che non ha eguali.

SI PUO’ – “La nostra crescita? Mi porto dietro certezze perché so che stiamo crescendo, ci stiamo completando nell’atteggiamento in partita. Ultimamente abbiamo fatto buone gare, manca qualche attenzione, ma restiamo un’ottima squadra nei uomini e nel comportamento. Noi abbiamo fatto il nostro percorso, siamo cresciuti, sappiamo che se facciamo bene tutti possono soffrire. “Vogliamo viaggiare forte e provare a fare risultato contro chiunque”.

SCUDETTO – “Per quanto mi riguarda non è mai finita fino a che non ci riprovi. C’è una distanza importante in classifica e diventa difficile acchiapparli. Brutta notizia. Ma c’è anche l’Inter che domani può ridurla questa distanza. Partiamo da qui”. “Tutti tifano Inter? Non mi fa effetto e non ci dà nessun vantaggio. Mi basta il desiderio dei miei tifosi. Saremo imbottiti dai loro sentimenti, li porteremo sotto la maglia”.

NON SOLO CR7 – “Non c’è solo lui nella Juventus. C’è anche Giorgio Chiellini che è un giocatore fenomenale. Basta vedere quanto ha determinato nei cinque minuti finali contro la SPAL. Lui è il reparto, lo fa da solo, ha una mentalità, una forza e una professionalità uniche. Diventa fondamentale il collettivo. Il collettivo ti salva perché quando dipendi dal singolo, quando questo manca, poi come si fa?”.

CHI GIOCA – Qualche problema di formazione per i nerazzurri come lo stesso Spalletti annuncia: “Nainggolan e Dalbert? Rimangono fuori, non ce la fanno a recuperare per domani. Hanno bisogno di tempo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy