Toni Elias ‘difende’ Fenati: “Distruggere la sua carriera sportiva mi pare fuori luogo”

Toni Elias ‘difende’ Fenati: “Distruggere la sua carriera sportiva mi pare fuori luogo”

Lo spagnolo, ai microfoni di Rac1, commenta la vicenda dell’italiano

di Redazione ITASportPress

Un’altra voce in difesa di Romano Fenati. A tre giorni, dallo sconsiderato gesto dell’italiano, che durante il Gp di San Marino ha provato a pizzicare la leva del freno del connazionale Stefano Manzi in piena accelerazione, rischiando di provocare una tragedia, il marchigiano riceve il supporto di un altro ex pilota. Dopo Joan Mir e Alvaro Bautista, ci ha pensato Toni Elias a difenderlo, ricordando di essere stato ‘vittima’ di un episodio simile nel 2004 con Fonsi Nieto.

INGIUSTO DISTRUGGERE CARRIERA – Ai microfoni di Rac1, Elias è stato chiaro: “Trovo fuori luogo distruggere la carriera professionale di Fenati. Quello che ha fatto è pericoloso e indifendibile, ma è già stato punito con due gare di squalifica. Ha sbagliato, ma stroncare il presente e il futuro mi pare troppo”, ha ammesso.

PROBLEMA DI AUTOCONTROLLO  – Per Elias sarebbe più proficuo aiutare Romano. “E’ giovane e ha un evidente problema di autocontrollo. Uno psicologo potrebbe essere utile per gestire i suoi impulsi in moto”, ha aggiunto ricordando l’episodio del 2004 con Nieto. “Avrei voluto ucciderlo in quel momento, mi arrabbiai molto, ma siamo ancora amici”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy