Lega Pro, Capotondi: “Con Ghirelli siamo già all’opera. Aggressione all’arbitro? Problema di cultura sportiva…”

Lega Pro, Capotondi: “Con Ghirelli siamo già all’opera. Aggressione all’arbitro? Problema di cultura sportiva…”

“Italia? C’è voglia di rivalsa, non solo in Federazione”

di Redazione ITASportPress

Cristiana Capotondi, neo vice-presidente della Lega Pro, ha parlato durante la trasmissione Tiki Taka in onda sulle reti Mediaset riguardo all’inizio della sua nuova esperienza e alle recenti vicende del calcio nostrano.

INIZIO – “Sono contenta di questa nuova avventura, con Ghirelli e Tognon siamo già all’opera e il primo consiglio sarà il 22 novembre”, ha detto la nota attrice sul nuovo ruolo importante in Federazione.

RIPARTIRE – In seguito al recente caso che ha visto un direttore di gara, nel campionato di Promozione nel Lazio, essere aggredito e finire in ospedale in gravi condizioni, la Capotondi ha ribadito: “L’aggressione all’arbitro a Roma? E’ un problema di cultura sportiva che ha a che fare con l’accettazione di una regola. Questa può pure essere sbagliata, ma è sempre il campo che decide. Non è possibile immaginare episodi del genere a corredo di una partita di calcio. Anche il sistema giornalistico, secondo me, dovrebbe abbassare i toni della discussione perché l’odio verso gli arbitri deriva anche da questo. Inoltre dobbiamo combattere l’infiltrazione della delinquenza all’interno del mondo del calcio. Servono posizioni forti”. C’è spazio anche per la Nazionale, che con Mancini spera di ripartire dopo la delusione del mancato approdo al mondiale di Russia: “Italia? C’è voglia di rivalsa, non solo in Federazione. Quello che è successo un anno fa non vuol più vederlo nessuno”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy