Milan, Gattuso: “Cagliari fastidioso. Barella? Lo volevamo, inutile nascondersi”

Milan, Gattuso: “Cagliari fastidioso. Barella? Lo volevamo, inutile nascondersi”

“Con la Roma abbiamo giocato una grande partita, ma abbiamo rischiato anche di perderla, domani ci aspetta una partita molto difficile, dobbiamo capire quando si soffre”

di Redazione ITASportPress

Gennaro Ivan Gattuso è intervenuto in conferenza stampa alla viglia della sfida in programma sul campo del Cagliari; ecco quanto dichiarato dall’allenatore del Milan:

CAGLIARI – “Giochiamo contro una squadra difficile, in un campo difficile. Ci sono state le Nazionali, quando non hai i giocatori e non li tocchi nel quotidiano un po’ di perplessità mi rimane sempre. E’ una squadra che può darci tanto fastidio, dobbiamo andare a migliorare le cose che ancora non facciamo nel migliore dei modi. Giocheremo in un ambiente tosto, voglio vedere capacità di sofferenza. Ci sarà bisogno di grande fisicità, c’è Pavoletti che di testa è tra i migliori del campionato. Voglio vedere grande attenzione”.

DONNARUMMA – “Deve trovare continuità, da lui mi aspetto tanto. Ho detto che doveva fare copia incolla da Reina. Deve continuare, ha un grande professionista dietro di lui, se lo osserva può fare dei grandi miglioramenti. Ha avuto un allenatore che l’ha fatto crescere per tanti anni, quest’anno qualcosa è cambiato sulla metodologia, deve lavorare e leggere il meno possibile quello che si scrive”.

COMPLIMENTI – “I complimenti non mi piacciono tantissimo, è da dieci giorni che sento solo complimenti dopo una buona prestazione, dobbiamo metterli da parte. Dobbiamo tenere il livello alto per novanta minuti. Con la Roma abbiamo giocato una grande partita, ma abbiamo rischiato anche di perderla, domani ci aspetta una partita molto difficile, dobbiamo capire quando si soffre”.

HIGUAIN – “Nell’amichevole della settimana scorsa sembrava l’uomo più arrabbiato al mondo, quando non riesce a fare gol comincia ad irritarsi, questo ti fa capire che campione è. E’ un giocatore che sta dando tanto, si fa voler bene, è coerente, questo è un segnale importante a tutto il gruppo di lavoro”.

CALDARA – “State facendo solo male a Caldara, non si può distruggere un giocatore dopo una partita. L’asticella della mentalità è molto alta, viene da una cultura calcistica diversa e non è giusto buttarlo nel frullatore. La società ha fiducia in Caldara, per me non è un problema, anzi: ci può dare una grandissima mano

CUTRONE – “Dispiace per il suo infortunio, ma non è un problema grave. Speriamo di recuperarlo per l’Europa League”.

MODULO – “Se non ci fossero state le Nazionali, che mi piacciono, avremmo avuto più tempo per provare. A me piace toccare con mano quello che di nuovo possiamo fare. A me non piace tanto improvvisare…”.

BARELLA – “Con la vecchia proprietà il suo nome era stato fatto, inutile nascondersi. E’ un prospetto importante che sta facendo buone cose, può fare tantissimi ruoli. Abbina qualità e quantità, ha grandissimi margini di miglioramento”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy