Milan, Gattuso: “Juventus? Non abbiamo nulla da perdere, ci proviamo. Su Bonucci e il gesto di Mourinho…”

Milan, Gattuso: “Juventus? Non abbiamo nulla da perdere, ci proviamo. Su Bonucci e il gesto di Mourinho…”

“Higuain? L’ho visto poco, siamo stati due giorni in Spagna. Gli consiglio di stare tranquillo”

di Redazione ITASportPress

Conferenza stampa di vigilia per Gennaro Gattuso, allenatore del Milan, che domani sera a San Siro ospiterà la capolista Juventus nel posticipo della 12^ giornata. Intervenuto davanti ai media, ecco come il tecnico rossonero ha presentato l’importantissima sfida:

MATCH – “Non abbiamo nulla da perdere, sono più forti di noi. Ci arriviamo un po’ incerottati, ma non dobbiamo pensarci. Ma dobbiamo giocarcela: se saranno più forti di noi, e vinceranno, stringeremo loro la mano. Ma daremo battaglia e ci proviamo”. “Aspettarli? Ci sta, ma dipende dove aspettarli. Come aspettarli. Rischi che ti prendono a pallonate se te la vai giocare a viso aperto a tutto campo. Bisogna stabilire dove e come li vogliamo aspettare”. “Un pareggio? Ci sta. Ma non giochiamo per il pari”.

INFORTUNI – “Hanno ricompattato la squadra. Vedo gente che fa di tutto, fanno cose in più. Vedo lo spirito che piace a me, gli occhi che piacciono a me. Non c’è preoccupazione, coesione, voglia di stare insieme e di fare le cose insieme”. “Higuain? L’ho visto poco, siamo stati due giorni in Spagna. Gli consiglio di stare tranquillo, perché lui è uno che si innervosisce facilmente. Ancora non è al massimo, deve ancora recuperare bene”.

AVVERSARIO – “Ronaldo? Nessuna tensione con lui, era ed è un campione. Per marcarlo gli andava fatto sentire un po’ del duro, ed erano le mie caratteristiche. Ma l’ho sempre rispettato. Si vede che è avanti con l’età, è diventato molto più maturo, ma è un campione, ha una muscolatura incredibile”.

MERCATO – “Benatia? Chiedete a Leonardo. Per rispetto dei giocatori che sto allenando, per quanto mi stanno dando, non parlo. A gennaio qualcosa la società farà, ma chi fa il mercato lo sa fare molto bene. Giusto che si muovano loro. Io sto a Milanello per mettere a disposizione della squadra il meglio. Anche in estate ero sempre il penultimo, terzultimo a sapere le cose”.

MOURINHO – “Il gesto di Mourinho in Champions League? Io ho fatto di peggio! Ognuno ha il suo carattere. Le parole di Spalletti erano giuste: “Il leone, quando dorme, bisogna farlo dormire”. Non sta a me a giudicare se ha sbagliato o meno, ma sentire offese per 90 minuti non è il massimo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy