Napoli, l’ex Schwoch: “Mertens soffre la concorrenza e il cambio modulo…”

Napoli, l’ex Schwoch: “Mertens soffre la concorrenza e il cambio modulo…”

“Con Sarri il gioco si basava su scambi corti e gioco forse più centrale”

di Redazione ITASportPress

Stefan Schwoch, ex attaccante del Napoli, ha parlato sulle frequenze di RMC Sport degli azzurri ed in particolar modo di Dries Mertens che non sta vivendo certamente un momento entuasiasmante sotto il profilo del gol e delle prestazioni.

ASTINENZA  – Nessun gol contro la Fiorentina, ma nessun allarmismo per Schwoch: “Sono momenti che possono accadere, sarebbe stato peggio non creare tante chances. Nel calcio si sbaglia come falliscono tutti, dai calciatori agli allenatori e agli arbitri. E’ chiaro che tanti errori pesano soprattutto se accadono nella stessa gara. La gara di sabato scorso è stata diversa dalle altre, col Milan il Napoli ha creato poco. A Firenze ha creato tanto senza riuscire a sbloccare la partita, se crei tanto e non riesci a segnare è normale che paghi in termini di punti. Certamente sarebbe più grave se il Napoli non riuscisse a costuire tante chances, sono certo che nella prossima partita non accadrà. Riferimento soprattutto a Mertens, ha sbagliato tanto ma il momento negativo sarà messo alle spalle”.

MERTENS – Ed in particolare Dries Mertens sta pagando questa assenza di gol. Secondo l’ex attaccante dovuta a diversi fattori: “Il Napoli ha cambiato modo di giocare, con Sarri si basava su scambi corti e gioco forse più centrale. Quest’anno c’è anche Milik a disposizione del mister, gli azzurri giocano anche sulle fasce e per questo qualcosa è cambiato. Magari Mertens in passato aveva anche più continuità, ora invece deve comunque superare la concorrenza. Tornerà a fare gol, certamente non è semplice viaggiare alla media reti del passato. Un momento no, soprattutto per un attaccante, capita a tutti. Forse non avere il posto ‘fisso’ in attacco un po’ lo condiziona”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy