Napoli, un girone senza la maglia azzurra: i numeri danno ragione alla scaramanzia

Napoli, un girone senza la maglia azzurra: i numeri danno ragione alla scaramanzia

Con la bianca 2,4 di media punti a partita in campionato, con quella nera nessuna sconfitta. Col Sassuolo all’andata l’ultima con la divisa tradizionale

Domenica, nel Lunch Match della 33^ giornata del campionato di Serie A, il Napoli farà visita al Sassuolo e cercherà il sorpasso sulla Roma, impegnata nel Monday Night a Pescara, in chiave secondo posto. All’andata i partenopei pareggiarono 1-1, a Lorenzo Insigne rispose Gregoire Defrel, in una sfida che i tifosi partenopei ricordano molto bene perché fu l’ultima con la tradizionale maglia azzurra, messa poi in soffitta per dare spazio a quella nera e, soprattutto, a quella bianca. Una scelta dettata dalla scaramanzia e che sta dando i suoi frutti in campionato. I numeri non mentono: con la divisa tradizionale, infatti, sono arrivate 10 vittorie, 3 pareggi e altrettante sconfitte, quelle pesanti contro Atalanta, Roma e Juventus. Con l’ormai ex seconda maglia, ovvero quella bianca, sono arrivati 42 punti in 17 partite (13 successi, 3 pareggi e una sconfitta, media punti di 2,4 a partita). Infine, con quella nera nessun k.o. nelle tre apparizioni: due vittorie, quelle recenti contro Lazio e Udinese, e il pareggio alla prima giornata di Pescara. Al Mapei Stadium la squadra di Maurizio Sarri scenderà in campo per la diciottesima volta, molto probabilmente, con la maglia bianca. Quella azzurra è bandita, a maggior ragione adesso che c’è da raggiungere il secondo posto che è sinonimo di qualificazione diretta in Champions League: si sa, all’ombra del Vesuvio la scaramanzia viene prima di tutto.

VERSO IL SASSUOLO:

Le parole del tifoso Biagio Izzo

Le dichiarazioni di Jorginho

L’opinione dell’ex Mascara ai nostri microfoni

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy