Palermo, Corini: “Ho accettato senza pensarci. Nestorovski? Sta bene fisicamente e mentalmente”

Palermo, Corini: “Ho accettato senza pensarci. Nestorovski? Sta bene fisicamente e mentalmente”

Eugenio Corini torna a Palermo per una nuova impresa e con un nuovo ruolo: non più da direttore d’orchestra in campo (con la maglia numero 5 addosso), ma da allenatore sulla panchina più scomoda d’Italia.

Commenta per primo!

Eugenio Corini torna a Palermo per una nuova impresa e con un nuovo ruolo: non più da direttore d’orchestra in campo (con la maglia numero 5 addosso), ma da allenatore sulla panchina più scomoda d’Italia. “Quando il presidente mi ha chiamato – ha rivelato Corini nella sua prima conferenza stampa da tecnico del Palermo – ho accettato senza sapere cosa potesse venire fuori. Mi ha fatto piacere ed ho visto in lui le motivazioni giuste che servono per salvarsi. Il mio compito adesso sara’ di cercare nelle virgole ciò che serve per la svolta. Quando mi si parla di Palermo, per me è qualcosa di più di una squadra”.

Corini non ha perso tempo per catechizzare i suoi nuovi giocatori: vuole applicazione ed impegno, coraggio e determinazione. Tutte componenti che vuol vedere in campo sin dalla “mission impossible” di domenica sera al Franchi contro la Fiorentina.

“D’ora in poi tutte le nostre partite saranno determinanti – ha sottolineato Corini – ho dato una linea a questo Palermo, o meglio sto cercando di dargliela. Io ho la forza di lottare col Palermo e questo e’ fondamentale. Il mercato di riparazione? Soffermarci sul mercato di gennaio, notoriamente molto difficile, significa spostare l’attenzione dalle partite e non farebbe bene. Nestorovski? Ha segnato tanto e sta bene fisicamente e mentalmente. L’ho notato anche oggi in allenamento. Il nostro obiettivo e’ ricreare l’entusiasmo che c’era per Palermo-Verona (ultima della scorsa stagione, ndr). La serie A e’ la categoria che ci compete”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy