Napoli, Sarri: “Gioca la Juventus, spegnete la tv, tanto vince…”

Napoli, Sarri: “Gioca la Juventus, spegnete la tv, tanto vince…”

Per il Napoli di Maurizio Sarri è un periodo particolare. Senza vittorie in campionato da due gare dopo un filotto vincente di partite

di Redazione ITASportPress

Per il Napoli di Maurizio Sarri è un periodo particolare. Senza vittorie in campionato da due gare dopo un filotto vincente di partite. Prima la sconfitta al San Paolo contro la Roma (2-4), poi il pareggio al Meazza contro l’Inter (0-0). La Juventus corre e oggi, complice il recupero all’Allianz Stadium, contro l’Atalanta, può scappare a +4. In casa Napoli, però, si devono fare anche i conti con la vicenda del post-gara di Milano con le dichiarazioni sgarbate di Sarri nei confronti di Titti Improta, giornalista della tv partenopoea, Canale 21.

Secondo quanto riporta Il Mattino, l’allenatore del Napoli sarebbe infastidito dalle polemiche: “Io sessista? Ma è uno scherzo? ripete agli uomini dello staff. Non ha gradito, senza dubbio, quello che è successo. Non crede che il mondo ce l’abbia con lui, ma è chiaro che ormai non gli perdonano più nulla. Neppure quella che – a detta dell’allenatore – voleva essere soltanto una battuta. “Ormai vengo criticato per tutto quello che faccio, anche quando scherzo”; lo sfogo riportato dal quotidiano locale. “Fai una cosa – gli consiglia qualcuno – prossima volta rispondi con un sì, un no, un non lo so”.

Inter-Napoli, Sarri: la risposta sgarbata che fa discutere

JUVENTUS – Martedì, a Castelvolturno, sono ripresi gli allenamenti verso la prossima gara di campionato. La riunione tecnica non ha toccato gli argomenti extra-campo. Sarri ha preso la parola per pochi minuti, facendo leva sull’orgoglio e sullo spirito di squadra. Ieri, inoltre, l’allenatore ha invitato i suoi a non guardare la gara delle 18.00 a Torino: “Non dobbiamo neppure vedere cosa fa la Juve oggi, spegnete la tv, tanto vince. Pensiamo a vincere noi tutte e dieci, pensiamo ai 70 punti conquistati fino adesso. Tra meno di un mese c’è la possibilità di capovolgere tutto”, così sarebbe andato il colloquio, dieci minuti circa, con il gruppo. Il Napoli non è più in testa al campionato, ma Sarri invita ad essere ottimisti. Nulla è perduto, la squadra si stringe intorno al tecnico in vista dei prossimi impegni, in primis la gara contro il Genoa di Ballardini, avversario tosto, in lotta per la corsa salvezza.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy