Spal, Semplci: “Sosta utile per staccare la spina. Sulla Nazionale…”

Spal, Semplci: “Sosta utile per staccare la spina. Sulla Nazionale…”

“Adesso ci aspetta una parte di campionato determinante per quelli che sono i nostri obiettivi”

di Redazione ITASportPress

Leoonardo Semplici, tecnico della Spal, ha parlato ai microfoni di Sky Sport commentando il momento della propria squadra in seguito ai risultati poco brillanti delle ultime partite. Dopo un avvio di stagione molto buono, i ferraresi non hanno saputo dare continuità ai risultati, ed ora con la sosta per le nazionali, l’allenatore spera di poter resettare tutto e ricominciare nel miglior modo possibile.

MOMENTO – “Dopo aver fatto ottime prestazioni ma senza risultati, c’era bisogno di staccare un po’ la spina con la sosta del campionato, la squadra aveva speso tanto. Adesso ci aspetta una parte di campionato determinante per quelli che sono i nostri obiettivi. Dovevamo smaltire la delusione, soprattutto per la partita contro l’Inter. La differenza con l’inizio sprint di stagione? Sono cambiati anche gli avversari rispetto all’inizio, il fatto di non prendere gol ci aveva permesso di portare a termine gare contro avversarie della nostra fascia. Ora stiamo lavorando per migliorare su tutti i fronti, abbiamo un’altra consapevolezza rispetto alla passata stagione”.

SQUADRA – “Lazzari deluso dalla mancata convocazione con l’Italia? Sicuramente è dispiaciuto, ma continuando a lavorare con questa determinazione sarà preso ancora in considerazione dal ct. Antenucci? E’ un giocatore importante, uno come lui ci può dare la qualità che talvolta serve. Capita di sbagliare i rigori, la fiducia resta massima. Dobbiamo dare continuità alla prestazione fatta contro l’Inter, solo interpretando così le gare possiamo portare a casa i punti che ci servono. L’esperienza dell’anno scorso è stata determinante, per tutti: per i giocatori, per la società e anche per me e il mio staff”.

DOPO LA SOSTA – “La Roma? Sappiamo di affrontare una squadra straordinaria, partita per primeggiare in Italia e in Europa, ma siamo sereni perché sappiamo qual è il nostro percorso, che può passare anche attraverso le sconfitte. Dobbiamo solo migliorare le cose negative ed esaltare quelle positive”. Un pensiero anche alla Nazionale di Roberto Mancini: “L’Italia? Abbiamo buone prospettive di risalita, alcuni giovani sono straordinari. Mancini sta facendo delle scelte per capire i valori a disposizione, in modo da assemblare un gruppo che possa raggiungere gli obiettivi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy