Crotone, Vrenna: “Il Chievo fa plusvalenze finte da anni. Crotone scippato della Serie A”

Crotone, Vrenna: “Il Chievo fa plusvalenze finte da anni. Crotone scippato della Serie A”

“Abbiamo mosso tutti i nostri legali e le istituzioni”

di Redazione ITASportPress

Gianni Vrenna, presidente del Crotone, è intervenuto in diretta su Radio Radio e Radio Radio TV per affrontare il tema caldo di questi giorni: l’eventuale ripescaggio dei calabresi in Serie A ai danni del Chievo Verona implicato nella vicenda plusvalenze.

OGNI SFORZO – “Abbiamo mosso tutti i nostri legali e le istituzioni per questa vicenda, abbiamo richiesto il rinvio di alcune partite del Chievo, sarebbe paradossale se i veronesi dovessero partecipare ad un altro campionato di Serie A dopo tutte queste plusvalenze false”. Sullo stop dei campionati ha poi aggiunto: “Noi chiederemo che si fermi il ChievoVerona per arrivare alla fine del processo con tutta la situazione chiara, una società che per 3 anni di seguito è senza carte per iscriversi al campionato e trova escamotage falsando bilanci rispetto a società che fanno salti mortali per stare in piedi cercando di risparmiare. Non c’è competizione se da altre parti si falsano i bilanci”. “Sono 25 anni che faccio calcio e nel momento in cui ho la fortuna di stare in Serie A cerco di mantenerla facendo molta attenzione, lavorando sui giovani e tenendo i contratti bassi, ma poi cosa vedo? Contratti super e acquisti di giocatori giustificati con false plusvalenze. In una vicenda così importante, come si fa a sbagliare il vizio di forma? Per far uscire una sentenza con vizio di forma non ci vogliono 8 giorni, ma 1. Se fosse successo a Crotone, sarebbero scattate le manette. Non mi fermerà: al Crotone la Serie A è stata scippata due volte, una volta con il Var e la seconda volta con queste false”.

MERCATO – “Fino a una settimana fa eravamo fermi sperando di fare un altro tipo di mercato, ma visti i tempi ormai lunghi stiamo cercando di mantenere il più possibile la squadra dello scorso anno e trovarne di nuovi che siano disposti a giocare in Serie B,  ma pronti al tempo stesso per la Serie A”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy