Livorno, Diamanti contro l’arbitro che lo ha espulso: “Io sono Diamanti, non mi faccio prendere per il…”

Livorno, Diamanti contro l’arbitro che lo ha espulso: “Io sono Diamanti, non mi faccio prendere per il…”

L’episodio disdicevole si è consumato nella partita fra Lecce e Livorno di Serie B

di Redazione ITASportPress

Rischia una pesante stangata dal Giudice Sportivo di B Alessandro Diamanti, a cui è stato sventolato il rosso diretto nella partita della 24° giornata del campionato cadetto persa dal suo Livorno sul campo del Lecce per 3-2 (dopo che i toscani erano passati sul doppio vantaggio). Alino, espulso al 94′ per aver alzato troppo il piede nei confronti del centrocampista dei pugliesi Arrigoni, secondo quanto raccontato dal portale SoloLecce.it si sarebbe lasciato andare ad un isterismo senza precedenti nei confronti dell’arbitro: “Io da qua non me ne vado, non mi faccio prendere per il culo da un ragazzino: io sono Diamanti” avrebbe esclamato a gran voce al direttore di gara Luca Massimi della sezione di Termoli.

NERVOSO – Peraltro, i colleghi del Salento raccontano di un Alessandro Diamanti parecchio nervoso durante tutto il secondo tempo, quando la sua squadra, impegnata nella lotta salvezza, è passata dal doppio vantaggio allo svantaggio nel giro di una mezz’ora. Addirittura incitava i suoi compagni ad entrare duramente su Falco, attaccante del Lecce. L’arbitro molisano, inoltre, ha compiuto 30 anni a novembre, ciò significa che ha solo 5 anni in meno di Diamanti, il quale come detto lo ha definito “ragazzino”. Un gesto che nessuno si aspettava da parte dell’ex fantasista della Nazionale, proprio per la sua grande esperienza. Martedì le decisioni del Giudice Sportivo, e si prospettano per lui numerose giornate di squalifica.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ncavallin_12122135 - 3 mesi fa

    Diamanti e’ stato anche troppo signore nell’atteggiamento vs questo pseudo arbitro che ha cambiato l’indirizzo della partita non espellendo Arrigoni reo di aver commesso numerosi falli consecutivi,graziandolo, ed infine espellendo il fantasista che aveva fatto solo una semplice rovesciata senza toccare l’avversario che commetteva lui gioco pericoloso con sceneggiata incorporate. Ma si sa in certi campi l,arbitraggio e’ condizionato purtroppo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. amaranto5_995 - 3 mesi fa

    Mi dispiace per chi ha scritto questo commento avendo un cuore giallo-rosso leccese…..SOLO 1 TURNO PER DIAMANTI, perchè la pedata non c’è stata e l’altro giocatore ha abbassato troppo la testa, quindi certe parole offensive verso il giocatore del Livorno, la prossima volta che ti restino nella “penna” invece di scrivere cose infondate…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy