Atletico Madrid, Hernandez: “Non ho notizie di mio padre da 13 anni”

Atletico Madrid, Hernandez: “Non ho notizie di mio padre da 13 anni”

Il terzino sinistro francese ha modo di parlare della sua vita famigliare in un’intervista rilasciata al ‘Parisien’

di Redazione ITASportPress

Lucas Hernandez è il terzino sinistro dell’Atletico Madrid, mentre il fratello Theo gioca nella squadra rivale, ovvero il Real Madrid. Ma tra i due rimane sempre un legame inossidabile, in quanto Lucas ha a cuore le esigenze di suo fratello, essendo il primogenito in assenza di suo padre, Jean-François, che ha lasciato casa ormai circa 15 anni fa. In un’intervista rilasciata a ‘Le Parisien‘, Lucas Hernandez ha potuto esprimere tutto il suo dispiacere e rammarico di come siano le cose ormai tra troppo tempo.

UOMO FALLITO – “Ora che sono io padre, mi rendo conto di quanto lui abbia fallito, in quanto tale. Non abbiamo notizie di lui da 13 anni, non mi ha nemmeno chiamato quando abbiamo vinto la Coppa del mondo. Se dovessi incontrarlo oggi gli parlerei tranquillamente, pur riconoscendo che non potrei mai rinunciare a mio figlio. Per lui sarei disposto a fare qualsiasi cosa, anche dormire sotto un ponte se serve a renderlo felice”.

FAMIGLIA – ” Se oggi io e mio fratello giochiamo a calcio è merito di nostra madre, che si è sacrificata molto per noi, lavorando molte ore ogni giorno. Dato che nostro padre mancava, ho provveduto io ad assistere mio fratello, in qualità di primogenito. Tra noi c’è sempre stata grande complicità, ogni volta che aveva bisogno di me io facevo il possibile per aiutarlo. Per me è il mio migliore amico”.

NAZIONALE – “Io mi sento sia francese che spagnolo. Io parlo benissimo entrambe le lingue, pur essendo cresciuto in Francia. Per anni ho avuto l’occasione di giocare per la Roja, ma quando mi chiamò Deschamps non ho potuto fare altrimenti che accettare la proposta, essendo stato il sogno che ho cullato fin da bambino. Poi ho vinto anche il Mondiale, uno dei momenti più belli della mia vita. Ma l’arrivo di mio figlio non ha eguali. Prima pensavo solo a me stesso, ora ho anche lui a cui fare riferimento. Non sono più lo stesso uomo, mi sento cresciuto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy