Germania, spari all’auto dell’attaccante Naki: “Paura di morire” (FOTO)

I fatti sono accaduti a Berlino: alla radice dell’attentato le origini curde del giocatore classe ’89, c’è anche un precedente…

di Redazione ITASportPress

Se l’è vista davvero brutta Deniz Naki, che mentre era al volante per le strade di Berlino, capitale della Germania, è stato affiancato da un’altra vettura dalla quale è stato aperto il fuoco. Il giocatore classe ’89 è fortunatamente rimasto illeso, ma lo spavento resta visto che i proiettili hanno colpito il suo SUV. Alla radice dell’attentato, molto probabilmente, le origini curde dell’attaccante dell’Amedspor che si è espresso pubblicamente contro il regime di Recep Tayyip Erdogan, presidente della Turchia, e viene considerato da molti turchi come nemico dello stato. L’ex St. Pauli e Paderborn, che nell’aprile del 2017 è stato condannato da un giudice turco a diciotto mesi con la condizionale per propaganda filocurda a favore del “Pkk”, alla Welt ha esternato tutta la sua paura: “Mi sono istintivamente spostato con l’auto sulla corsia di destra quando ho sentito gli spari, ho avuto paura di morire”.

naki auto

Non è la prima volta che Naki ha a che fare con situazioni del genere. Nel novembre del 2014, infatti, lasciò il Gençlerbirliği e la Turchia affermando di essere stato vittima di un’aggressione razzista per le strade di Ankara a causa delle sue origini e, a riguardò, alla Bild rilasciò le seguenti dichiarazioni: “È successo domenica. Volevo prendere qualcosa per cena quando sono stato avvicinato da tre persone in una strada secondaria. Mi hanno minacciato che questo era il primo avvertimento, il club non aveva bisogno di nessuno come me e dovevo andare via. Questa volta ho potuto difendermi, erano solo pugni, ma alla fine sarà un coltello: non mi sento più al sicuro”.

Las Vegas, polizia in azione durante una sparatoria

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy