Mondonico: “Il tumore è come una partita, ma ‘tatticamente’ non puoi metterlo in difficoltà”

“Rimpianto? I pali di Amsterdam in quella finale di Coppa Uefa”

di Redazione ITASportPress

Ancora una volta Emiliano Mondonico ha vinto la sua partita più difficile, quella contro il tumore. Ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, l’allenatore 70enne ha parlato anche della sua lotta personale: “I miei problemi personali sono come partite. L’avversario non è così capibile come nelle gare di calcio ed è impossibile metterlo in difficoltà a livello tattico, ma c’è un equipe dietro fantastica a cui do massima fiducia. Poi soprattutto c’è la voglia di vivere che ti spinge: la vita è più forte di tutto il resto. Rimpianto? I pali di Amsterdam in quella finale di Coppa Uefa”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy