Pugno in faccia da Neymar, parla il tifoso: “In quattro a casa mia per minacciarmi…”

Pugno in faccia da Neymar, parla il tifoso: “In quattro a casa mia per minacciarmi…”

Prende parola il sostenitore colpito dal brasiliano: “Mi scuso, voglio sistemare le cose”

di Redazione ITASportPress
Neymar

Ha fatto il giro del mondo, il gesto di Neymar a seguito della finale persa dal suo Psg contro il Rennes in Coppa di Francia. Un pugno ad un tifoso che, secondo quanto sembrava, stava insultando e prendendo in giro i giocatori del Paris Saint-Germain dopo il ko ai rigori.

Dopo giorni di silenzio, l’uomo ha deciso di parlare e lo ha fatto a L’Equipe come scrive anche Marca.

BASTA BUGIE – “Perché ho deciso di parlare? Per rispondere a tutti quelli che mi hanno accusato di voler fare soldi con tutta questa storia. Non ho chiesto un centesimo, né ufficialmente né informalmente. Se avessi voluto davvero approfittare di questo caso, avrei immediatamente presentato una denuncia. Non l’ho fatto”, ha detto l’uomo che poi ha aggiunto: “L’unica persona che ho deciso di citare in giudizio è stata l’editorialista Pierre Ménès per i commenti che ha fatto su di me. Non accetto che mi possa sporcare per difendere gli interessi di un giocatore o di un club. Né io né il mio avvocato abbiamo comunicato con il Psg o con Neymar. Non sono in vendita. Qualsiasi compenso non mi farà felice. Cosa mi servono i soldi se poi perdo l’onore?”.

MINACCIATO – “A causa di quello che è stato detto sulle mie presunte parole ai giocatori del Psg, sono stato minacciato. Ho rischiato il linciaggio sotto casa mia. Alcuni hanno anche creduto che abbia fatto commenti razzisti contro Kurzawa. No, non è vero. Giovedì sono stato minacciato da quattro persone che hanno difeso Neymar dicendomi che la prossima volta che lo toccherò mi faranno del male”.

CI RIPENSA – “Mi dispiace per le parole che ho detto quel giorno, ma noi tifosi ci divertiamo anche così. Non voleva essere una cosa cattiva o una provocazione. Solo divertimento. Mi pento delle parole dette sul signor Verratti e su Buffon, ma Neymar non avrebbe dovuto reagire così”. “Vorrei incontrarlo per sistemare le cose. Voglio scusarmi e sistemare tutto. A parti inverse cosa sarebbe successo?”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy