ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Fia, Salo: “La Ferrari ha imbrogliato ed è stata punita”. Poi fa marcia indietro

(Getty Images)

Mika Salo, funzionario FIA negli eventi di gara, non ha usato mezzi termini

Redazione ITASportPress

Veleni e polemiche in Formula 1 mai sopiti sulle presunte irregolarità Ferrari del 2019. Mika Salo, funzionario FIA ha sganciato la bomba dal suo canale Twitch ufficiale. In una chiacchierata piacevole con il suo amico e connazionale Kristian Sohlberg, il discorso verte inevitabilmente sulla Ferrari: “Avevano motori che consumavano meno carburante di quanto gli fosse consentito. Questa stagione andrà meglio perché alla Ferrari sarà consentito di utilizzare nuovamente la piena potenza. Il fatto che alla Ferrari sia stato permesso di utilizzare meno carburante di quanto consentito nel 2020 è stata la punizione per aver imbrogliato l’anno precedente!”. Parole pesanti che probabilmente non passeranno inosservate ma che infondono anche decise speranze in vista de 2021 agonistico delle Rosse. Significherebbe, infatti, che una volta scontata la presunta “punizione” la Ferrari potrebbe potrà tornare a usare il 100% della prestazione erogata dal proprio propulsore.

 Ferrari Leclerc (Getty Images)

MARCIA INDIETRO - Oggi però Mika Salo ha voluto fare chiarezza sulle sue parole, che hanno destato clamore, sull’accordo tra la Ferrari e la Federazioni riguardante la power unit utilizzata da Maranello nella stagione 2019. “Non so se avranno un nuovo motore per il 2021, ma almeno adesso l’Alfa Romeo otterrà tutta la potenza – ha dichiarato Salo, citato dall’emittente finlandese MTV – Non gli è stato permesso l’anno scorso a causa della Ferrari. Quello che ho detto in un’intervista un paio di giorni fa è stato frainteso. Ci tengo a precisare che non sono a conoscenza dei dettagli dell’accordo tra FIA e Ferrari. Abbiamo solo parlato di quello che è già stato nei media. Era uno scherzo stupido e solo una conversazione tra due persone. Tutto quello che posso dire è che non ho idea sugli accordi. E anche se sapessi qualcosa, non ne parlerei in questo modo”.