ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Tennis, Miami Open: Sinner batte Bublik e approda per la prima volta a semifinale ‘1000’

(Getty Images)

Nel Masters 1000 di scena nell’impianto dell’Hard Rock Stadium Jannik batte in due set il kazako, già sconfitto un paio di settimane fa a Dubai, approdando per la prima volta al penultimo atto di un torneo di questa categoria

Redazione ITASportPress

Semplicemente inarrestabile. Non sembrano esistere limiti per Jannik Sinner che, alla prima partecipazione, ha centrato la semifinale del “Miami Open”, primo ATP Masters 1000 stagionale, dotato di un montepremi di 4.299.205 dollari che si sta disputando - combined con il WTA 1000 - sui campi in cemento dell’impianto dell’Hard Rock Stadium (la “casa” dei Miami Dolphins di football NFL), in Florida. L’altoatesino (19 anni e 7 mesi) è il secondo italiano di sempre ad essere arrivato tra i migliori quattro a Miami dopo Fognini, semifinalista nel 2017.

Nei quarti il 19enne di Sesto Pusteria, n.31 del ranking e 21esima testa di serie - mai così avanti in un Masters 1000 - ha sconfitto 76(5) 64, in un’ora e quaranta minuti di partita, il kazako Alexander Bublik, n.44 ATP e 32esima testa di serie, anche lui per la prima volta tra i migliori otto in un torneo di questa categoria.

“Questo risultato vuole dire tanto, non era facile anche perché è la prima volta che giocavo qui. Cercherò di giocare anche venerdì il mio miglior tennis perché il torneo non è finito” - ha detto l’azzurro sorridendo -. “Anche Dubai era stata una partita strana e stavolta lo è stata ancora di più: lui è uno che si diverte sul campo e che gioca in maniera davvero incredibile. Anche io mi innervosisco ma cerco di nasconderlo…. E comunque sono davvero molto soddisfatto”.

Venerdì in semifinale Sinner troverà nei quarti il vincente del match tra il russo Daniil Medvedev, n.2 del ranking e primo favorito del seeding, e lo spagnolo Roberto Bautista Agut, n.12 ATP e settima testa di serie.

 Sinner (Getty Images)

Potresti esserti perso