ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

Tennis

ATP 250 Anversa, Sinner batte Harris e approda in finale

(Getty Images)

L'altoatesino ha vinto in due set. Nell’altra sfida Schwartzman affronta Brooksby

Redazione ITASportPress

L’obiettivo Nitto ATP Finals a Torino è lì. Non è proprio a portata di mano ma ci si può provare. Ne è consapevole Jannik Sinner che ha centrato la finale all’“European Open”, torneo ATP 250 con un montepremi di 508.600 euro che si sta avviando alla conclusione sul veloce indoor della “Lotto Arena” di Anversa, in Belgio. Per l’altoatesino sarà la sesta sfida per il titolo: ha già messo in bacheca 4 trofei (3 in questo 2021) mentre a perso quella de “1000” di Miami lo scorso aprile contro Hurkacz.

Il 20enne di Sesto Pusteria, n.13 ATP - ennesimo “best ranking” proprio questa settimana - e prima testa di serie del torneo, dopo il successo nel derby tricolore di secondo turno (per lui l’esordio) contro Lorenzo Musetti, n.69 del ranking, e la vittoria nei quarti in due set contro il francese Arthur Rinderknech, n.65 ATP, ha letteralmente annientato, 62 62 lo score, in un’ora e 26 minuti di partita - il sudafricano Lloyd Harris, n.32 del ranking e settimo favorito del seeding.

Tra l’altoatesino, alla sesta semifinale in questa stagione, ed il 24enne di Città del Capo non c’erano precedenti. Per Jannik era la nona presenza al penultimo atto di una prova del circuito maggiore (la quinta sul veloce indoor): la prima volta proprio ad Anversa due anni fa. Chissà se ci ha pensato Sinner mentre prendeva a pallate il sudafricano. Superiore con i colpi da fondo (micidiali i cambi improvvisi in lungo linea), con la risposta e pure con il servizio. Per iniziare un 4-0 che per poco non è stato 5-0 con triplo break: ad ogni modo il vantaggio è stato più che sufficiente perché il primo set finisse velocemente nelle mani dell’azzurro (6-2).

Harris ha continuato a fare una fatica allucinante nei turni di servizio anche nella seconda frazione: Sinner lo ha brekkato in avvio e poi ancora nel quinto game salendo 4-1. Nel sesto gioco Jannik ha offerto le prime palle-break della partita, tre, ma ha comunque tenuto la battuta vincendo un game di 16 punti (5-1). Il 24enne di Città del Capo è riuscito a conquistare un altro gioco rimandando, ma solo di qualche minuto, il trionfo di Sinner (6-2).

Per l’azzurro due ace e nessun doppio fallo, il 61% di prime in campo che gli ha fruttato il 77% dei punti ma anche un 59% di punti vinti con la seconda. Tre su tre le palle-break concesse ed annullate (peraltro a risultato già segnato). A referto 13 vincenti contro 16 gratuiti (11 contro 23 per Harris).

 (Getty Images)
tutte le notizie di