Owen ammette: “Louise ed io vicini al divorzio. Dopo il ritiro non ero felice”

Owen ammette: “Louise ed io vicini al divorzio. Dopo il ritiro non ero felice”

Le dichiarazioni dell’ex attaccante inglese

di Redazione ITASportPress

Non sempre la vita di un campione fila liscia. Michael Owen ha svelato di aver rischiato di divorzare con la moglie Louise nel 2014, quando le divergenze all’interno della coppia si erano fatte insostenibili. Una rottura dettata dal suo malessere dopo il ritiro dal calcio giocato. Queste le sue parole ai microfoni di BT Sport: “Con mia sorpresa, nel 2014 mi sono ritrovato in piedi su una sorta di abisso. Una vita con quel certo tipo di mentalità, di comportamento, mi aveva portato a un punto in cui dovevo cercare un aiuto professionale. Considerando quanto ero stato resistente a qualsiasi tipo di difficoltà psicologica, durante la mia carriera, anche io non potevo sfuggire alla situazione in cui mi trovavo ora. Credo, con il senno di poi, che questa sveglia personale si sia insinuata silenziosamente su di me. Ero una persona estremamente focalizzata e motivata. Nei giorni delle partite, nessuno ha osato dirmi una parola. Mia moglie Louise confermerà tutto ciò. Il fatto che la mia famiglia e Louise abbiano tollerato anche solo la metà di ciò che ho fatto contro di loro, continuando a sostenermi, è uno degli esempi più profondi di amore incondizionato che mi viene in mente. Non c’è dubbio che questa attenzione maniacale al successo mi abbia spinto nella mia carriera. Oltre alla mia abilità calcistica, questa forza oscura è ciò che mi ha portato alle altezze che ho raggiunto. Nell’estate del 2014, un anno in pensione, aveva raggiunto una fase in cui stava diventando evidente che il modo maledetto in cui mi ero avvicinato alla mia carriera calcistica, non era compatibile con la normale vita familiare. Come si suol dire, qualcosa doveva succedere. Il problema che alla fine ha portato tutto alla testa era stato bollente per qualche tempo. Ci mettevamo continuamente in discussione su cose meschine e ricorrevo sempre alle stesse tattiche prevedibili. Ero come un disco rotto: ripetevo sempre la stessa canzone”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy