Abraham non rispetta regole anti Covid ma è… vittima di una festa a sorpresa per suo compleanno

Amici, compagni e altre 20 persone al party

di Redazione ITASportPress
Tammy Abraham

Colpevole ma anche vittima. Tammy Abraham si è reso protagonista, quasi a sua insaputa, della violazione del protocollo anti Covid-19. In che modo? Partecipando alla… sua festa di compleanno a sorpresa. Ebbene sì. I suoi amici, tra i quali il compagno di club al Chelsea Ben Chilwell e il connazionale del Borussia Dortmund Jadon Sancho, gli hanno organizzato un party per festeggiare il compimento dei 23 anni d’età. Peccato che alla serata ci fossero anche altre 20 persone, ben più di quelle consentite dalla legge.

Abraham vittima della sua festa di compleanno

Tammy Abraham Chilwell (getty images)

Come riporta il Sun, sarebbe in corso un’indagine da parte della Federcalcio inglese sulla violazione delle norme anti-Corvid da parte di Tammy Abraham e dei due connazionali Ben Chilwell e Jadon Sancho. Secondo quanto riporta l’edizione odierna del tabloid i tre giocatori hanno partecipato alla festa a sorpresa organizzata per l’attaccante del Chelsea a cui hanno preso parte circa 20 persone, ovvero molte di più delle sei previste dalla legge e per giunta non appartenenti allo stesso nucleo familiare. La conferma sarebbe arrivata anche dallo stesso centravanti blues che, come scrive il giornale, si sarebbe scusato spiegando l’accaduto: “Sono arrivato a casa e ho trovato una piccola festa a sorpresa”,  ha detto Abraham.  “Ero totalmente inconsapevole di quanto fosse stato pianificato, ma vorrei scusarmi con tutto il cuore per l’ingenuità mostrata per l’organizzazione e la partecipazione a questa festa. Posso dire che non accadrà più”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy