Berizzo e il licenziamento dal Siviglia per il tumore alla prostata: “Ingiusto. Ero malato, ma forte…”

Berizzo e il licenziamento dal Siviglia per il tumore alla prostata: “Ingiusto. Ero malato, ma forte…”

“Io non ho mai perso le forze; al contrario, ho perso solo qualche chilo”

di Redazione ITASportPress

Eduardo Berizzo ha commosso il mondo del calcio. L’allenatore, attuale ct del Paraguay, aveva vissuto momenti davvero delicati a causa di un tumore alla prostata quando allenava il Siviglia. Problemi di salute, ma anche di lavoro dato che il club aveva deciso di metterlo da parte e chiamare al suo posto Vincenzo Montella.

Ma dopo la guarigione, Berizzo è tornato più forte di prima, tanto da guidare prima l’Atletico Bilbao e poi una Nazionale. Intervenuto in’intervista a La Nacion il tecnico ha rivissuto il periodo sulla panchina del Siviglia e il licenziamento a causa della sua salute: “Onestamente non me l’aspettavo. Mi è sembrato ingiusto, perché la squadra non stava andando male: ci eravamo qualificati agli ottavi di Champions League, eravamo passati in Copa del Rey ed eravamo quinti in campionato”, ha detto l’allenatore. “Per la dirigenza, però, non ero abbastanza forte, non ero in grado di guidare la squadra. Questo è il problema della nostra professione: se qualcuno dice di avere problemi o di aver paura, viene allontanato. Io non ho mai perso le forze; al contrario, ho perso solo qualche chilo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy