Boateng chiede scusa e spiega: “Isolamento violato? Quando un figlio chiama tu vai in qualsiasi condizione…”

Il tedesco multato dal Bayern Monaco per aver violato l’isolamento obbligatorio

di Redazione ITASportPress

Probabilmente se non fosse stato per l’incidente in auto avuto nessuno si sarebbe accorto della sua violazione. Jerome Boateng, difensore del Bayern Monaco, ha ignorato il divieto di spostarsi dalla propria dimora e si è recato a casa di suo figlio senza informare la società.

Ecco perché il club ha deciso di multarlo, nonostante la motivazione del giocatore fosse di un certo spessore. Come riporta la Bild, infatti, Boateng ha fatto mea culpa ma ha anche voluto precisare: “So che è stato certamente un errore non informare il club della mia mossa, ma avevo solo in testa di andare da mio figlio”. E quando c’è di mezzo un figlio, un genitore deve fare di tutto: “Era malato e non stava bene. Se un figlio ti chiama, tu vai, a qualsiasi ora e qualsiasi condizione”, ha concluso Boateng.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy