Boateng: “Kovac è l’allenatore perfetto per il Bayern. Il razzismo? C’è qualcosa che non va…”

Le dichiarazioni del centrocampista trentenne ai microfoni di Marca

di Redazione ITASportPress

Durante una lunga intervista ai microfoni di Marca, Kevin-Prince Boateng, attualmente in forza all’Eintracht Frankfurt, ha dichiarato che il suo attuale allenatore Niko Kovac sarebbe perfetto per allenare il Bayern Monaco, nonostante sia sbarcato in Bundesliga solamente da marzo 2016. Il 46enne sembrerebbe far parte della cerchia degli allenatori che potrebbe sostituire Jupp Heynckes. “Penso che si potrebbe adattare perfettamente lì. Ha giocato con il Bayern e ha ancora buoni rapporti con il club. Ogni giorno che passa diventa sempre più forte e non sarà facile farlo partire da qui. L’età? Non conta; ci sono giocatori che a 16 anni che sono già titolari in Bundesliga. Per me, non esiste ‘il troppo presto’”.

Il centrocampista tedesco, naturalizzato ghanese ha anche parlato del problema del razzismo nel mondo del calcio, di cui lui stesso è stato più volte vittima. Kevin-Prince si è recentemente detto indignato di ciò che è accaduto nel corso del match tra Hannover e Mainz. Leon Balogun e Anthony Ujah, entrambi nigeriani in forza al Magonza sono stati infatti presi di mira dai tifosi di casa. “Le cose peggiorano di giorno in giorno, è sempre più difficile. Ho scritto personalmente a Balogun, dobbiamo fare qualcosa per risolvere questa situazione. Se nel corso del match i tifosi iniziassero a fare versi da scimmia, come è successo ad Hannover, lascerei il campo e la mia squadra mi seguirebbe. Se permettiamo anche questo non ci sono davvero più regole. Dopo tutto, il gioco viene fermato anche quando vengono lanciati dei petardi… Non riesco a spiegarmi perché le persone non possano sentirsi uguali, se è quello che sono. Non è necessario prendere una birra con tutti, ma odiare qualcuno solo perché è diverso e augurargli la morte… Beh, c’è qualcosa che non va”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy