Champions africana, incredibile: la finale verrà rigiocata dopo le polemiche col Var

La partita fra Espérance e Casablanca fu interrotta per i difetti della tecnologia. Ora il ritorno si disputerà a porte chiuse su campo neutro

di Redazione ITASportPress

La finale della Champions League africana, organizzata dalla Caf, giocata lo scorso 31 maggio con la vittoria dell’Espérance di Tunisi per 1-0 sul Wyad Casalblanca, dovrà essere rigiocata su campo neutro. Il motivo? La squadra marocchina aveva abbandonato il campo perché il sistema della Var era difettato e dunque non funzionante, così da non aiutare l’arbitro per una decisione molto contestata. Così il presidente della Federazione africana Ahmed Ahmed ha annunciato che il ritorno della sfida avrà nuovamente luogo altrove, in Egitto, a porte chiuse. Oltretutto, il presidente dell’Espérance Hamdi Meddeb è stato squalificato per due anni per le minacce allo stesso Ahmed e per le pressioni di annullare la partita e quindi proclamare la sua squadra campione d’Africa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy