Da Solskjaer a Bielsa, tempi duri per gli allenatori stranieri in Premier League

Le nuove regole mettono un grande ostacolo

di Redazione ITASportPress
Bielsa

Cambiano le regole in Premier League per quanto riguarda i tesserati stranieri dopo l’uscita della Gran Bretagna dell’Unione Europea in seguito alla Brexit. La Football Association infatti ha adottato nuove norme sull’immigrazione, di concerto con il Ministero degli Interni, che se venissero confermate costringerebbero allenatori come Ole Gunnar Solskjaer e Marcelo Bielsa a dover lasciare l’Inghilterra.

PREMIER LEAGUE, LE NUOVE REGOLE

Per sedere su una panchina del campionato di Sua Maestà, occorre ottenere un Governing Body Endorsement, necessario per lavorare in Inghilterra. Per averlo, serve aver lavorato nelle “5 bande” su cui si basa il regolamento della FA, definite “Top League”. Nella sostanza, bisogna aver lavorato in Premier due anni consecutivi o per tre dei cinque precedenti. C’è tuttavia un altro modo: aver lavorato per cinque anni consecutivi in una squadra internazionale che rientra tra le prime 50 del ranking Fifa. Al momento né il tecnico del Manchester United né l’allenatore del Leeds rientrano nelle 5 bande. Il norvegese infatti, prima dei Reds – sulla cui panchina è seduto dal 2018, allenava il Molde. El Loco invece, prima di arrivare in Premier è rimasto senza squadra dal dicembre del 2017.

Solskjaer
Solskjaer (getty images)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy