Drogba: “Volevo fare il dottore, ma grazie a Dio…”

Drogba: “Volevo fare il dottore, ma grazie a Dio…”

A margine di un’iniziativa benefica in Colombia, l’ex attaccante del Chelsea parla della sua carriera

di Redazione ITASportPress

Didier Drogba, a margine di un’iniziativa benefica in Colombia, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alla sua carriera. L’ex giocatore del Chelsea, 40 anni. attualmente in forza ai Phoenix Rising, squadra che milita nella United Soccer League (la seconda divisione del campionato statunitense), e ha da poco annunciato che al termine di questa stagione dirà addio al calcio giocato.

DOTTORE – “Quando avevo 11 anni avevo il sogno di diventare calciatore o dottore, ma grazie a Dio sono diventato calciatore, non so se avrei fatto bene da dottore. I miei sogni erano questi”, ha detto il calciatore ivoriano.

GRANDE CARRIERA –  Calciatore africano dell’anno (nel 2006 e nel 2009) ed è riuscito per due stagioni, nel 2006-2007 e nel 2009-2010, a vincere anche il titolo di capocannoniere della Premier League (il massimo campionato inglese) con rispettivamente 20 e 29 reti. Inoltre, nel 2012, è diventato il primo calciatore africano della storia a realizzare 100 reti in Premier League. Detiene anche il record di reti segnati con la maglia della Costa d’Avorio (65).

Dopo un’esperienza allo Shanghai Shenhua e al Galatasaray, Drogba, nel 2014, è tornato al Chelsea per una sola stagione con José Mourinho in panchina con il quale tornerà a vincere la Premiership. Dal 2017, Drogba ha firmato con il Phoenix Rising, diventandone anche azionista. A Telefoot, celebre programma di informazione sportiva in onda su TF1, il campione ivoriano ha annunciato che al termine della stagione con la squadra statunitense appenderà gli scarpini al chiodo per iniziare un nuovo capitolo della sua vita.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy