Gerrard, cuore Liverpool: “Sogno di allenarlo un giorno. E quel titolo di Premier sfuggito nel 2014 fa ancora male…”

L’ex capitano Reds, ora mister dei Rangers, tra passato e futuro

di Redazione ITASportPress
Gerrard

Interessante intervista rilasciata da Steven Gerrard al The Athletic. L’attuale allenatore dei Rangers si è soffermato sulla sua ex squadra: il Liverpool. Da tempo accostato come possibile futuro allenatore Reds, l’ex centrocampista si è raccontato a 360°, questa volta non nascondendo la propria ambizione di sedersi, un giorno, sulla panchina del club di Anfield.

Gerrard: “Sogno di allenare il Liverpool”

Gerrard
Gerrard (Getty Images)

“Certo che in futuro mi piacerebbe, sarebbe un sogno allenare il Liverpool“, ha ammesso Gerrard da sempre legato ai Reds. “Il Liverpool è un club che significa tutto per me. Ma adesso abbiamo uno dei migliori allenatori al mondo a guidarlo, se non il migliore. Ha fatto un lavoro incredibile da quando è arrivato e mi auguro possa restare ancora per tanto tempo. In futuro nessuno può prevedere cosa succederà, io ho un legame molto forte col Liverpool ma il fatto che abbia giocato lì non vuol dire che in futuro sarò manager dei Reds. Quando quella posizione si renderà disponibile, ci sarà una fila chilometrica piena di top manager pronti a offrirsi”.

Infine, un pensiero legato al passato relativamente al titolo di Premier League sfuggitogli quando ancora giocava nella stagione 2013-2014: “Vincere ora da allenatore un campionato potrebbe, in qualche modo, soddisfarmi e ripagarmi di quella sconfitta. È sicuramente una motivazione. Quello che è successo, e come è successo, verso la fine della mia carriera nel Liverpool è stato un vero e proprio colpo basso per me. Davvero brutale. Per la squadra, per la società, per me è stata una grande delusione (perdere la Premier League a vantaggio del City ndr) perché siamo arrivati ​​davvero così vicini a vincere…”. “Ripeto, adesso avere successo come allenatore in parte mi aiuterebbe a stare meglio dopo quella delusione”.

KLOPP E IL CASO SALAH

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy