Guardiola ‘pazzo’ di Lampard: “Può diventare una leggenda come Ancelotti. Sul mio futuro da allenatore…”

Il manager del Manchester City verso la sfida al Chelsea

di Redazione ITASportPress
Guardiola

Pretattica? Forse sì, ma Pep Guardiola difficilmente sbaglia le sue previsioni. Il manager del Manchester City, come riportano la BBC e il Sun, ha parlato in vista della sfida odierna contro il Chelsea sia del suo operato e del suo futuro, sia del tecnico rivale blues Frank Lampard, confidando una grande stima nei suoi confronti.

A tutto Pep: da Lampard al proprio futuro

Guardiola
Guardiola, Getty Images

“Penso che Lampard sia davvero un grande allenatore”, ha esordito Guardiola. “Lui è davvero un top. Un top come allenatore e come persona. Per me è davvero una leggenda, come Carlo Ancelotti. Devo dire che è una delle persone che ammiro di più. Frank è una persona incredibile ed è bello trovarsi davanti ad uno come lui”. E proprio sul prossimo rivale, il manager catalano ha continuato: “Lampard ha vissuto in pratica tutta la sua carriera da giocatore al Chelsea, per lui è speciale ora esserne l’allenatore e penso che darà tutto se stesso per fare bene. In ogni caso, il calcio è un qualcosa di complesso per tutti”.

Infine un pensiero sul suo futuro e sulle sue aspettative: “In realtà io pensavo di allenare meno di così, di ritirarmi prima dal ruolo di mister. Invece, eccomi ancora qui. Quindi penso proprio che allenerò ancora oltre le mie previsioni. L’esperienza ti aiuta, soprattutto nel modo di vivere la professione”. E in ottica Premier League: “Un campionato difficile, ogni partita è dura ed è meglio essere calmi. La vera Premier League, le persone con cui ho parlato prima che arrivassi qui, dicevano che tutti possono perdere contro tutti. Non l’avevo visto fino a questo periodo dove sta davvero accadendo così”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy