ITA Sport Press
I migliori video scelti dal nostro canale

gazzanet

Keylor Navas, la confessione: “A Madrid non credevano del tutto in me. Avrei potuto vincere più di Casillas…”

Keylor Navas (gettty images)

Parla l'attuale portiere del Psg

Redazione ITASportPress

Ora si gode la titolarità e i migliori palcoscenici del calcio europeo. Ma nella carriera di Keylor Navas non è sempre stato tutto rose e fiori. Lo ha ammesso lo stesso estremo difensore attualmente al Psg, parlando al sito ufficiale del club francese. Nel racconto del numero uno, soprattutto il suo passato al Real Madrid e le controversie avute nel club blancos anche con Iker Casillas.

A tutto Keylor Navas

 Keylor Navas (getty images)

"Quando sono arrivato a Madrid non ho cercato di dimostrare di essere un portiere migliore di Iker e che avrei potuto ottenere più successi di lui", ha detto Keylor Navas. "Ho solo cercato di sfruttare l'opportunità che mi hanno dato e ho lavorato sodo, con umiltà". "Ma all'inizio, quando sono arrivato al Real Madrid, una parte della società non credeva in me". "In ogni caso, adesso, a Parigi ho provato a fare il mio meglio per conquistare più trofei possibili con i miei compagni di squadra e penso di aver dimostrato qualcosa. In Spagna, rimango di questa idea: una parte del club non era con me, non aveva la giusta fiducia anche se ringrazierò sempre i tifosi blancos per tutto l'affetto. Qui (al Psg ndr) comunque sto molto bene e ho sentito fin da subito la fiducia di tutti".

 Keylor Navas (getty images)
tutte le notizie di

Potresti esserti perso