Saul: “Bundesliga non allo stesso livello di prima. Noi pronti e pensiamo alla Champions”

Saul: “Bundesliga non allo stesso livello di prima. Noi pronti e pensiamo alla Champions”

Il calciatore dell’Atletico Madrid sulla ripresa della Liga e non solo

di Redazione ITASportPress
Saul

Prima la Liga, poi la Champions League. Saul Niguez è pronto a concludere la stagione con l’Atletico Madrid e a togliersi diverse soddisfazioni. Il centrocampista colchoneros ha parlato ai microfoni di A Diario della ripresa del campionato ed in generale del calcio, analizzando anche come i campionati che sono ripartiti prima non siano ancora tornati al livello precedente. Il riferimento è alla Bundesliga, primo tra i top campionati europei a scendere in campo.

Saul: “Siamo pronti ma non al massimo”

Siamo contenti di tornare a giocare, le partite di allenamento non sono come quelle ufficiali”, ha esordito Saul. “Il nostro obiettivo adesso è quello di conquistare un posto in Champions League”. E sulle sue condizioni fisiche e quelle della squadra: “Non sono ancora al 100%, soffro un po’ nel breve ma ho una buona resistenza. Giocheremo 11 partite in un mese, avremo bisogno dell’apporto di tutta la rosa e ne trarremo vantaggio perché abbiamo una squadra molto competitiva. La Bundesliga? Si vede la differenza nel ritmo partita. Sicuramente non ha nulla a che fare con il campionato che si vedeva tre mesi fa. Non sono riusciti ancora a trovare certi ritmi e questo, dico la verità, mi stupisce”. Sul campionato tedesco, lo stesso spagnolo aveva di recente criticato il regolamento sui contatti fisici: “Come è possibile che non si possa festeggiare dopo un gol e invece ci si possa marcare su un calcio d’angolo?”, si era chiesto il centrocampista.

Tra mercato e Champions

Saul
Saul (getty images)

Ultimamente al centro di qualche rumors di mercato, Saul ha voluto fare chiarezza: “Vedo tante cose sui social e sui giornali, ma non ho avuto contatti”, ha spiegato il centrocampista. “Sono concentrato sul finale di stagione, ho un contratto lungo, che ho firmato perché voglio restare all’Atletico. Questa è casa mia, spero di vincere la Champions League“, ha concluso il classe 1994.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy