Schuster: “I giocatori del Real Madrid sapevano che senza Cristiano Ronaldo non avrebbero vinto nulla…”

Schuster: “I giocatori del Real Madrid sapevano che senza Cristiano Ronaldo non avrebbero vinto nulla…”

“L’esordio del figlio di Zidane in porta? A me queste cose tra padre e figlio non piacciono”

di Redazione ITASportPress

La vittoria del Real Madrid all’ultimo respiro contro l’Huesca fa tirare un sospiro di sollievo a Zidane e ai suoi giocatori, ma sottolinea, ancora una volta, le difficoltà di una stagione iniziata male e proseguita peggio prima con Lopetegui e poi con Solari. Solo questi ultimi incontri potranno provare a risollevare le sorti della squadra e far tornare alcuni calciatori al loro top della forma e dello stato emotivo.

Ne è convinto Bernd Schuster, ex calciatore anche dei Galacticos che, intervenuto a El Transistor de Onda Cero, ha parlato della situazione in casa Blanca soffermandosi in modo particolare sull’assenza di un vero leader in zona offensiva dopo la partenza di Cristiano Ronaldo e la consapevolezza dei giocatori di essere andati incontro ad un vero e proprio problema.

LO SAPEVANO – I tre gol con l’Huesca non bastano per risolvere il problema delle segnature. Ne è convinto Schuster che, come già più volte dichiarato in passato, ha rincarato la dose: “I giocatori sapevano che questa stagione senza Cristiano Ronaldo non avrebbero vinto nulla. Il motivo? Alla squadra manca un calciatore che faccia tanti gol, e CR7 ne faceva parecchi”. Sull’arrivo di Zidane e l’obiettivo principale del tecnico da qui alla fine del campionato: “Credo che non stia facendo i casting per vedere chi resta o chi se ne va, ma vuole recuperare i big come Isco, Marcelo e Bale per averli pronti nella prossima stagione”. “L’esordio del figlio di Zidane in porta? A me queste cose tra padre e figlio non piacciono. Il ragazzo potrebbe risentirne”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy