Manchester City, Guardiola: “Uefa e Fifa hanno ucciso i miei calciatori”

“Non abbiamo avuto una pausa infrasettimanale da quando abbiamo iniziato, nemmeno una”

di Redazione ITASportPress
Guardiola

Lo aveva detto in passato e torna a ripeterlo anche adesso. Pep Guardiola non ci sta e continua la sua campagna contro il calendario degli impegni deciso da Uefa e Fifa. Come riporta Goal, il manager del Manchester City ha parlato dello stato d’animo e di quello fisico della propria squadra senza usare mezzi termini per spiegare la difficile annata che i suoi, ma anche tutti gli altri, stanno affrontando a causa dei tanti impegni.

Guardiola: “Uefa e Fifa hanno ucciso i miei calciatori”

Guardiola
Guardiola, getty images

I giocatori sono esseri umani, non sono macchine“, ha detto Guardiola ribadendo il concetto già più volte espresso nell’arco della stagione. “Conosco i giocatori, alcuni di loro sono sempre arrabbiati perché vogliono giocare tutti i giorni, ma questo non è possibile. Per competere in tutte le competizioni quest’anno senza spettatori, se non ruoti e fai dei cambi, non puoi competere per tutte le competizioni. Se non facessi così non saremmo nella posizione attuale”.

“I miei ragazzi potrebbero giocare perché hanno una mentalità incredibile ma hanno bisogno di riposo. La UEFA e la FIFA hanno ucciso i giocatori perché così è davvero troppo. Non abbiamo avuto una pausa infrasettimanale da quando abbiamo iniziato, nemmeno una. Non c’è giocatore che possa sostenere tutto questo, non solo fisicamente ma anche mentalmente per essere pronto ogni giorno a competere contro gli avversari per vincere la partita. È impossibile”.

“Quando faccio delle rotazioni e vinciamo sono un genio e la gente dice ‘Bravo Pep’. Ma quando perdiamo le persone si chiedono ‘ma perché ha cambiato?'”.  E ancora: “Nella prossima partita giocheremo con gambe e forze fresche. Contro il Leeds più che mai servono gambe fresche”.

Il Manchester City, oltre ad essere impegnata in Premier League, è ancora dentro la Fa Cup, la Carabao Cup – di cui giocherà la finale col Tottenham -, e la Champions League. Se dovesse andare avanti in ogni torneo la squadra disputerà ancora 15 partite in più di quelle già in programma.

Guardiola, getty images
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy