Marega vittima di razzismo: “Le campagne contro l’odio sono inutili”

Marega vittima di razzismo: “Le campagne contro l’odio sono inutili”

Le parole dell’attaccante del Porto

di Redazione ITASportPress

Un nuovo caso di razzismo scuote il mondo del calcio. La vittima è Moussa Marega, attaccante del Porto, preso di mira da alcuni tifosi nel corso del match tra i Dragoni e il Vitoria Guimaraes. Ai microfoni di RMC Sport, il giocatore si è sfogato pesantemente: “I miei compagni non hanno capito sul momento e hanno provato a calmarmi di modo che non facessi un grave errore. Ma quando ho detto che non era possibile, hanno compreso la gravità della situazione. Il mio allenatore ha reagito come mi aspettavo. Ha provato a calmarmi, ma mi ha lasciato uscire. Dovremmo fermare sempre le gare quando succedono queste cose: sarebbe un gesto forte da parte degli arbitri e delle leghe. Le campagne come ‘No al razzismo’ o altro sono ca**ate, sono solo per le foto, sono inutili”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy