Messi e la cessione di Suarez: “Folle darlo a chi combatte contro di noi in Liga”

Parla il 10 blaugrana

di Redazione ITASportPress
Messi

Non solo il suo futuro e le emozioni per la scomparsa di Diego Armando Maradona, Lionel Messi parla anche di Barcellona nella sua intervista a La Sexta senza far mancare qualche sassolino per quanto accaduto al suo grande amico Luis Suarez quasi cacciato via dal club e dato, per giunta, all’Atletico Madrid, squadra che lotta per la Liga contro i blaugrana.

Messi: “Folle quanto accaduto con Suarez”

Suarez
Suarez (Getty Images)

“Avevo già deciso di restare prima della cessione di Suarez, ma mi è sembrato folle quello che hanno fatto con Luis”, ha ammesso Messi non mancando di punzecchiare il Barcellona. “Parlando nel suo caso specifico, per come sono andate le cose, per come se n’è andato gratis e pagandogli gli ultimi anni di contratto. Davvero folle. L’hanno dato ad una squadra che avrebbe lottato per i nostri stessi obiettivi. Non solo il fatto che se ne sia andato è stato difficile, ma il modo con cui è stato fatto…”.

Messi (L) Neymar Jr Getty Images)

Un passaggio poi anche su Neymar, altro ex Barcellona che di recente aveva espresso la sua certezza in ottica futura di giocare proprio con La Pulce nella prossma annata: “Il messaggio su Whatsapp di O’Ney? Abbiamo parlato del sorteggio. Nessuno di noi due voleva affrontarsi adesso. Non volevano il Barcellona, ​​perché anche se non siamo nel nostro momento migliore siamo una squadra rispettata dalla storia. Sarà una partita molto combattuta”, ha spiegato l’argentino sulla prossima gara di Champions League vedrà blaugrana e Psg affrontarsi negli ottavi di Coppa. “Perché Neymar ha detto che giocheremo insieme l’anno prossimo? Prima di tutto non so se l’abbia detto davvero. In ogn icaso dovremmo chiedergli perché lo abbia fatto. Abbiamo un gruppo WhatsApp con lui e Luis Suárez e abbiamo parlato. di tanto in tanto. C’è sempre un certo legame”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy