Minacce di morte per Repka in prigione: “Qui è dove morirai”

Minacce di morte per Repka in prigione: “Qui è dove morirai”

“Benvenuto all’inferno”

di Redazione ITASportPress

“Benvenuto all’inferno”. In questo modo Tomas Repka, ex difensore dello Sparta Praga, del West Ham e con un passato anche in Serie A con la maglia della Fiorentina, è stato accolto a Praga nella prigione di Ruzyne a seguito di una condanna a 15 mesi di detenzione per frode.

Il classe 1974  aveva venduto una Mercedes, non di sua proprietà, bensì dell’ex moglie, per circa 46.500 euro. Come riporta il Daily Mail, Repka è arrivato nella prigione di Ruzyne con indosso occhiali da sole scuri e una sacca da viaggio nera dopo che la corte d’appello lo ha condannato alla detenzione per oltre due anni. Il 45enne è riuscito ad eludere i giornalisti ma è stato comunque visto entrare in prigione e, soprattutto, non è riuscito a scampare all’assalto, per il momento verbale, degli altri detenuti.

Come scrive il tabloid inglese, che cita la tv ceca iDNES, all’ex calciatore sarebbero arrivate gravi minacce di morte: accolto con un “benevenuto all’inferno”, gli altri prigionieri sarebbero anche andati oltre “qui morirari”. 

In passato, solamente un anno fa, Repka era stato imprigionato per sei mesi dopo aver pubblicato alcuni filmati hard che vedevano l’ex moglie protagonista con tanto di numero di telefono della donna.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy