Ozil pizzicato a correre in auto: “Non è colpa mia. La macchina non segna la velocità giusta…”

Il calciatore dell’Arsenal ancora protagonista

di Redazione ITASportPress
Ozil

Si parla di lui più per vicende extra calcio ormai che per le sue doti da giocatore. Mesut Ozil non sta vivendo certo un momento fortunato. Dopo l’esclusione dalle liste per il campionato e per l’Europa League, ecco che per il tedesco dell’Arsenal arriva un altro problema, questa volta relativo alla sua… guida.

Ozil: troppo veloce in auto ma per colpa della macchina

Ozil
Ozil (getty images)

Come racconta il Sun, Ozil ha dovuto giustificare davanti al tribunale di Bromley come mai sia stato trovato a viaggiare a 97 miglia all’ora, ovvero quasi 160 km/h al ritorno da un allenamento dell’Arsenal nella scorsa estate, precisamente nel mese di luglio. La risposta del trequartista tedesco è stata decisamente unica. “Viste le restrizioni dovute al Covid-19, la strada era vuota. L’unica spiegazione che posso dare per quanto accaduto è che, vista l’assenza di altre auto, mi sono distratto e non ero concentrato al massimo. L’auto che stavo guidando è molto silenziosa e ha il cambio automatico. Inoltre sono tedesco e sono abituato a guidare veicoli che mostrano la velocità in chilometri orari e non in miglia”, una giustificazione che il calciatore avrebbe rilasciato attraverso una lettera. Per lui, dunque, la velocità sul cruscotto doveva essere di 97 km/h e non miglia come nella realtà.

Nonostante l’errore e la probabile buona fede, Ozil si è scusato: “Non voglio che si perdoni quanto ho fatto e confermo il fatto che la velocità del mio veicolo fosse inaccettabile, ma guido tutti i giorni andare al lavoro, ho impegni personali e una bambina piccola. Al momento non voglio usare i mezzi pubblici e dato che mi occupo io di tutto sono io che devo prendere la macchina per muoverci tutti quanti (lui, la figlia e la moglie ndr)”. Come a dire “multatemi, ma non toglietemi la patente”…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy