Panucci: “Per me Capello è morto”

Panucci: “Per me Capello è morto”

Le dure parole dell’ex difensore della Nazionale italiana

di Redazione ITASportPress

Lo scontro tra Christian Panucci e Fabio Capello continua. L’ex difensore azzurro, nel 2012 era entrato da vice nello staff della Nazionale russa guidata dal tecnico friulano, ma solamente due anni dopo, il rapporto di lavoro tra i due era terminato nel peggiore dei modi. L’ex Roma aveva accusato Capello di essersi comportato in modo ‘vergognoso’. Il motivo? Le tante promesse di rinnovo, mai mantenute.

“Ringrazio Fabio per l’opportunità che mi ha dato, ma si è comportato in modo vergognoso con me e con tutto lo staff italiano. Glielo dirò in faccia la prima volta che lo vedrò. Un grande allenatore dovrebbe difendere i suoi uomini e non lo ha fatto. Tornati dal Brasile mi avevano promesso il rinnovo tante volte e poi non sono mai passati dalle parole ai fatti. Ho lavorato addirittura senza contratto, ma alla fine ho detto basta. E pensare che per loro avevo rifiutato una panchina…”, aveva detto Panucci ai microfoni della Gazzetta dello Sport. La risposta di Capello non si era fatta attendere e aveva replicato: “Le sue parole mi hanno offeso. Ora preferisco non rispondergli, magari lo farò a quattrocchi”.

Oggi, a distanza di più di tre anni, l’ex difensore della Nazionale italiana è tornato a parlare dell’ex c.t. della Russia, ma la sua idea nei suoi confronti non sembra cambiata: “Per me, Capello è morto”, queste le dure parole di Panucci ai microfoni di Sport Express.

RING: IL MILAN DI SACCHI FU MEGLIO DI QUELLO DI CAPELLO?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy