Phil Neville nuovo c.t. dell’Inghilterra femminile, ma quei tweet sessisti…

L’ex giocatore del Manchester United è finito nel mirino della critica a causa di una serie di tweet pubblicati nel 2011 e 2012

di Redazione ITASportPress

Nella giornata di ieri, Phil Neville è stato nominato nuovo commissario tecnico dell’Inghilterra femminile. L’ex giocatore del Manchester United ha firmato fino al 2021, anno dei campionati europei femminili. L’allenatore prende il posto di Mark Sampson, esonerato lo scorso 20 settembre. Nelle ultime ore, però, Neville è finito nel mirino della critica a causa di una serie di tweet sessisti pubblicati nel 2011 e 2012, in cui affermava che le donne “sono troppo impegnate a preparare la colazione, occuparsi dei figli e rifare i letti” e che “non riflettono né il mio carattere né le mie convinzioni”.

L’ex Red Devils ha rimosso il proprio account Twitter e quest’oggi si è scusato: “A seguito dei commenti fatti diversi anni fa, vorrei chiarire che non erano e non sono un riflesso vero e genuino del mio personaggio o delle mie convinzioni e vorrei scusarmi. Sono pienamente consapevole delle mie responsabilità come allenatore dell’Inghilterra femminile e sono immensamente orgoglioso e onorato di aver ricevuto questo ruolo. Ora guardo al futuro e lavorerò instancabilmente per cercare di contribuire al successo della squadra”.

L’associazione “Kick It Out”, impegnata nella lotta alle discriminazioni, ha chiesto alla Football Association di prendere provvedimenti interrogandosi sull’opportunità di puntare su un allenatore che non ha esperienza nel calcio femminile. L’associazione “Women In Football” ha dichiarato: “Siamo rattristati dai tweet storici di Phil Neville e dalla mancanza di commenti da parte della FA. Tutti gli individui e le organizzazioni devono essere più consapevoli del comportamento sessista passato e rispondere in modo appropriato”.

Sunderland, Carragher e Phil Neville parlano in studio, ma in campo c’è un… fantasma?!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy