Positivo al coronavirus, Mangala racconta la sua paura: “Pensavo ad uno scherzo. Per me uno shock”

Positivo al coronavirus, Mangala racconta la sua paura: “Pensavo ad uno scherzo. Per me uno shock”

“Non avevo sintomi, stavo come ogni giorno”

di Redazione ITASportPress

L’emergenza coronavirus ha colpito il mondo del calcio. Inevitabile che anche i professionisti venissero a contatto con la pandemia da Covid-19. Nelle ultime ore sono diversi i giocatori ad essere risultati positivi al virus. Tra questi, anche il difensore del Valencia Eliaquim Mangala, tra i primi contagiati del club spagnolo.

Parlando a L’Equipe, il centrale ex Porto e Manchester City ha confessato le sue paure e le sue sensazioni al momento delle scoperta: “Venerdì abbiamo fatto alcuni test. Non avevo sintomi, stavo come ogni giorno. Quando domenica il dottore mi ha detto che ero positivo è stato uno shock. Pensavo fosse uno scherzo. Quando ha parlato di quarantena, di stare per 14 giorni lontano dai miei figli, ho capito che non lo era”.

ISOLATO – Ma dopo la paura iniziale, ecco Mangala affrontare a testa alta il problema: “Sono fortunato, sono in quarantena a casa. Ho una casa dove la mia famiglia può rimanere isolata. Io sto su un piano, loro su un altro. Ci evitiamo il più possibile. La mia giornata è semplice: non ho sintomi, quindi mi alleno secondo il programma che ci ha dato il Valencia. Mi alleno in giardino con una maschera. Poi leggo, guardo film, documentari, Netflix, gioco ai videogames”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy