Arsenal, basta partenze a costo zero: nuova politica per i giocatori in scadenza di contratto

Arsenal, basta partenze a costo zero: nuova politica per i giocatori in scadenza di contratto

I Gunners stufi di perdere i loro top player a paramentro zero

di Redazione ITASportPress

Aaron Ramsey è solo l’ultimo di una lunga serie di giocatori che l’Arsenal ha salutato senza ricavare neppure un centesimo. Ma se torniamo indietro nel tempo, la lista si allunga: Danny Welbeck, Alexis Sanchez e Jack Wilshere.

Insomma, la strategia dei Gunners non è stata esattamente perfetta in tema di rinnovo di contratti. Ecco perché, come scrive il Daily Mail che cita il sito ufficiale del club inglese, l’Arsenal, nelle vesti dell’amministratore delegato Vinai Venkatesham, ha deciso di cambiare regime e politica.

ORA BASTA – Stufi di perdere a parametro zero alcuni giocatori, i Gunners hanno in mente una nuova strategia per quei giocatori ai quali rimangono due soli anni di contratto, onde evitare altri casi di addio senza ricevere neppure un piccola somma. Ecco perché l’Arsenal sta pensando di intervenire immediatamente nel contratto di diversi giocatori. Tra i più importanti Pierre-Emerick Aubameyang, Mesut Ozil, Henrikh Mkhitaryan e Laurent Koscielny. “Quando vendiamo giocatori, dobbiamo massimizzare gli utili per poter reinvestire”, si legge dal sito dell’Arsenal. “Dobbiamo essere molto disciplinati quando abbiamo a che fare con giocatori senior che non sono verso la fine della loro carriera. Questo significa che dobbiamo iniziare a prendere delle decisioni difficili già quando rimangono ancora due anni di contratto. O li rinnoviamo o venderemo questi giocatori. Dovremo essere coraggiosi in queste decisioni perché non possiamo trovarci in una situazione in cui permettiamo ai nostri calciatori di andare via gratis, a meno che non siano alla fine della loro carriera”.

Insomma, niente più casi Sanchez o Ramsey, l’Arsenal cambia strategia. Ora sono tutti avvisati.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy