Attento Klopp: il Liverpool al lavoro per avere un “robo-coach”

Attento Klopp: il Liverpool al lavoro per avere un “robo-coach”

L’iniziativa dei Reds nasce per migliorare la raccolta dei dati disponibili

di Redazione ITASportPress

Il Liverpool continua il suo anno magico. Dopo la vittoria di Champions e Supercoppa europea, i Reds puntano al Mondiale per Club. Nel frattempo, il club inglese progetta il proprio futuro. Un passo in questa direzione è stato fatto accordandosi con Acronis, società di sicurezza informatica interessata a migliorare il lavoro di raccolta ed elaborazione dei dati. Il CEO dell’azienda, Serguei Beloussov ha spiegato come intende migliorare il Liverpool in questo settore: “Che cosa significa questo per il calcio? Significa che puoi apportare miglioramenti all’allenamento e al recupero perché puoi registrare tutto e analizzare tutto utilizzando l’apprendimento automatico e i dati. Ciò significa essenzialmente che puoi creare robo-coach, perché in futuro non saranno necessari gli allenatori: vincerai senza allenatori. Questo è interessante per noi, perché significherà che i dati diventeranno il massimo allenatore. In questo momento, le persone IT nel club dicono: ‘Oh, abbiamo vinto’ oppure ‘Oh abbiamo perso “. Ma in futuro saranno le persone IT ad essere accusate delle perdite, non l’allenatore. Il mondo è digitale e gli sport stanno diventando digitali. Speriamo di fare più gestione dei dati di apprendimento automatico insieme al team di Liverpool. Giocare con la tecnologia rende il calcio molto più intelligente. Quindi non è più uno sport in cui i giocatori corrono molto velocemente e calciano la palla, è molto di più sulla tecnologia che ne deriva. Ad un certo punto, i giocatori dovranno capire come funziona questa tecnologia, e quindi i giocatori che saranno in grado di capire meglio come sfruttare la tecnologia, giocheranno meglio. Lo rende uno sport molto più avanzato, molto più competitivo”. Ma Jurgen Klopp sarà d’accordo?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy