Chelsea, Azpilicueta e le critiche a Sarri: “Siamo tutti responsabili. Ma su Hudson-Odoi…”

Chelsea, Azpilicueta e le critiche a Sarri: “Siamo tutti responsabili. Ma su Hudson-Odoi…”

Il capitano dei Blues risponde alla contestazione dei tifosi a squadra e tecnico

di Redazione ITASportPress

Stagione complicata quella del Chelsea di Maurizio Sarri con il tecnico toscano passato letteralmente dalle stelle alle stalle nel giro di pochissimo tempo. Il cosidetto Sarri-ball ha stancato i tifosi, le idee di gioco, e in alcuni casi anche gli stessi giocatori irrinunciabili per l’allenatore ex Napoli, hanno provocato una dura reazione da parte del pubblico dello Stamford Bridge che, nonostante la recente vittoria in rimonta contro il Cardiff, ha deciso ugualmente di schierarsi contro il mister.

Chi ha provato a stemperare gli animi, anche in vista della gara contro il Brighton è stato il terzino e capitano del Chelsea Cesar Azpilicueta: “Dobbiamo dare ai tifosi ciò che vogliono. Non siamo felici di ciò che abbiamo fatto fino ad oggi, abbiamo perso troppi punti per strada. Ma siamo tutti sulla stessa barca e dobbiamo remare nella stessa direzione. Siamo tutti responsabili. I tifosi hanno espresso i loro pensieri, ma noi pensiamo solo a lavorare e migliorarci. Dovremo riuscire a creare fin da subito una grande atmosfera contro il Brighton, i tifosi ci staranno dietro se riusciremo a dargli spirito combattivo, ottimo calcio e qualche gol”.

FRECCIATA? – Il capitano, però, ha parlato anche di Callum Hudson-Odoi, giovane esterno inglese, spesso non tenuto in considerazione da Sarri che di recente ha anche commentato in maniera non troppo positiva l’esordio del calciatore con la propria Nazionale. Di tutt’altro parere Azpilicueta come riferisce Evening Standard: “Non ho dubbi che possa dare il suo contributo. Penso possa avere una grande impatto nella Premier League. Ho visto la sua gara con l’Inghilterra. Ha mostrato il suo valore. Ed è solo un ragazzo di 18 anni…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy