Dall’Inghilterra, il caso: giocatore di Premier League trovato a sniffare cocaina in bagno

Dall’Inghilterra, il caso: giocatore di Premier League trovato a sniffare cocaina in bagno

Compagni di squadra sotto choc ma si resta nell’anonimato

di Redazione ITASportPress

Arrivano notizie clamorose dall’Inghilterra, dove il Sun racconta in esclusiva un episodio che lascia tutti a bocca aperta.

Durante un party non ufficiale, durante le vacanze natalizie, un calciatore, il cui nome e club di appartenenza resta anonimo, sarebbe stato trovato a sniffare cocaina all’interno di un bagno di un nightclub. La notizia, pare essere stata verificata, con alcune fonti interne che hanno anche parlato degli effetti che questo fatto ha provocato all’interno della squadra.

RIVELAZIONE – Come spiega il tabloid inglese nella sua versione online, il giocatore è un professionista e milita in Premier League ed è stato trovato completamente in stato confusionale dopo aver fatto uso di cocaina. In precedenza, si pensava fosse soltanto ubriaco, ma successivamente si è scoperto che aveva fatto uso di sostanze stupefacenti. Alcuni compagni di squadra – anche loro rimangono anonimi – hanno raccontato al Sun: “Non era una festa ufficiale della squadra, alcuni stavano bevendo qualche bicchiere, c’erano molti giocatori e anche l’allenatore. Ma ad un certo punto uno di noi lo ha visto farsi di cocaina in bagno. Il tecnico era furioso, l’abbiamo preso e fatto uscire dalla porta secondaria e messo in un taxi. Pensavamo all’inizio fosse ubriaco, ma sapevamo che non era così. Era evidente dal suo comportamento. Sapeva che nei giorni successivi non ci sarebbero stati controlli da parte dell’anti doping perché erano avvenuti pochi giorni prima. Questo fatto ha causato grosso imbarazzo e problemi all’interno della squadra. Si parlava solo di quello e sul campo le nostre prestazioni erano condizionate”.

Il racconto, come detto, è anonimo, ma l’indiscrezione del Sun sta già facendo il giro del web.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy