Deeney, furia sui social: “Mi danno della scimmia, ma non è razzismo”

Deeney, furia sui social: “Mi danno della scimmia, ma non è razzismo”

Anche altri giocatori, come Salah, sono stati vittime di episodi simili

di Redazione ITASportPress

Il razzismo resta una piaga gravissima nella società contemporanea. Non fa eccezione il calcio, con alcuni gravi casi verificatisi negli ultimi anni. In Premier League, l’allarme resta vivo e non solo sul terreno di gioco. Infatti, sui social sono tanti i commenti che risultano offensivi nei confronti di diversi calciatori. E’ successo a Mohamed Salah, minacciato da un tifoso. E’ capitato recentemente anche a Troy Deeney, che è arrivato al punto di disabilitare i commenti via Twitter: “Una misura dettata non tanto dal fastidio arrecato a me, quanto agli altri utenti”. Poi il capitano del Watford ha rincarato la dose: “Perché Twitter, Instagram e Facebook non fanno nulla a riguardo? Ho segnalato almeno 60 messaggi con l’emoji della scimmia, ma mi viene ribadito che quel simbolo non è razzista”. Insomma, le polemiche sul cattivo uso dei social e sulle misure di sicurezza non smettono di divampare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy