Kovacic e la sua strana esultanza: “Per mia nipote con sindrome di Down”

Kovacic e la sua strana esultanza: “Per mia nipote con sindrome di Down”

Il centrocampista ha festeggiato il ritorno al gol in modo particolare

di Redazione ITASportPress

Mateo Kovacic è tornato. Il centrocampista del Chelsea, ieri qualificatosi agli ottavi di Championsha ripreso la via del gol dopo un lungo digiuno. Nelle ultime quattro partite è andato a segno per due volte. A stupire gli appassionati ci ha pensato anche la sua strana esultanza, con il pollice sul naso agitando la mano. Il croato ha spiegato da dove nasce l’idea di festeggiare il gol in quel modo. Queste le sue parole riprese dal Sun: “Ho preparato la celebrazione per un po ‘perché non ho segnato la scorsa stagione! In realtà è per le mie nipoti. Ho due nipoti, una delle quali ha la sindrome di Down, e loro ripetono spesso quel gesto con me. La amo molto e la celebrazione è stata per loro. È bello quando si segna poter festeggiare con la famiglia. Hanno aspettato molto tempo ma ora spero di poter continuare così”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy