Newcastle verso la cessione: proteste contro la cordata araba

Newcastle verso la cessione: proteste contro la cordata araba

Il proprietario Mike Ashley sembra aver accettato la proposta di Mohammad bin Salman

di Redazione ITASportPress

In casa Newcastle tiene banco la questione riguardante il cambio societario. Dopo tredici anni, il proprietario Mike Ashley si prepara a cedere il club bianconero a Mohammad bin Salman, principe ereditario dell’Arabia Saudita. Un passaggio di consegne storico per la società e per la Premier League che sta destando non poche polemiche. Infatti Amnesty ha mostrato molte perplessità sul conto dell’acquirente. Felix Jakens, rappresentante nel Regno Unito di Amnesty, ha dichiarato: “Dato il diluvio di investimenti nello sport che abbiamo visto di recente dall’Arabia Saudita, un’acquisizione del Newcastle United non sarebbe una grande sorpresa. L’Arabia Saudita è famosa per i suoi tentativi di” lavaggio degli sport”, cercando di usare il glamour e il prestigio dello sport di alto livello come strumento di pubbliche relazioni per distrarre dal terribile record di diritti umani del paese. Sotto il principe ereditario saudita Mohammad bin Salman, c’è stata una forte repressione dei diritti umani, con numerosi attivisti pacifici incarcerati, tra cui Loujain al-Hathloul e altre coraggiose difensori dei diritti delle donne. C’è stato un palese imbiancatura per l’omicidio di Jamal Khasoggi, ci sono continue preoccupazioni per l’hacking saudita e la coalizione militare a guida saudita in Yemen ha una storia sanguinaria di lanciare attacchi indiscriminati a case e ospedali. Non sta a noi dire chi dovrebbe acquistare il Newcastle United, ma i giocatori, lo staff e i fan dovrebbero vederlo per quello che è: lavaggio sportivo, semplice e chiaro”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy