Premier League, il protocollo: tackle vietati in allenamento e non solo…

Premier League, il protocollo: tackle vietati in allenamento e non solo…

Le norme di sicurezza per la ripresa del campionato inglese

di Redazione ITASportPress
Danny Rose

La Premier League si prepara a ripartire dopo lo stop forzato a causa dell’emergenza coronavirus. Il Governo britannico ha dato il via libera agli allenamenti dal 1° giugno e, probabilmente, dal 12 dello stesso mese si potrà tornare anche a giocare per concludere la stagione.

Le regole da seguire

Klopp Mané
Liverpool Klopp Mané Premier League (getty images)

Tante le varie ipotesi per studiare la ripartenza ma di fondamentale importanza saranno le norme di sicurezza. A tal proposito, come scrivono la BBC e il Telegraph, sarebbero state inserite alcune regole davvero curiose e, onestamente, di difficile applicazione. Prima di tutto lo stop ai tackle, le disinfezione dei locali, gruppi di lavoro formati al massimo da cinque persone. Il protocollo ufficiale per la ripresa del calcio inglese è stato inviato ieri ai giocatori e dirigenti della Premier League e attende di ricevere conferma anche in merito alla sua comprensione da parte dei calciatori. E saranno proprio loro i veri protagonisti che dovranno seguire comportamente precisi: non dovranno usare mezzi pubblici e dovranno arrivare da soli al campo, avendo cura di pulire gli interni dei veicoli regolarmente. Ma tra le altre novità anche l’assenza di tackle in allenamento e l’obbligo di doversi girare dalla parte opposta in caso di scontro fortuito. Anziché aiutarsi per rialzarsi, quindi, i giocatori dovranno “fare gli offesi” e mettersi di schiena.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy