Rashford scrive al Governo inglese: “Continuate ad aiutare i bisognosi”

L’attaccante molto vicino alle recenti decisioni del Parlamento britannico

di Redazione ITASportPress
Rashford

Tanta dedizione alla causa, forse anche inaspettata. Marcus Rashford continua a mandare segnali forti di vicinanza ai più bisognosi. Dopo aver raccolto i fondi per garantire 3 milioni di pasti, ecco l’attaccante del Manchester United scrivere direttamente al Governo inglese che, dopo aver garantito un servizio di pasti gratuiti alla comunità più bisognosa, starebbe pensando di rimuovere tale programma al migliorare della condizione sanitaria a seguito dell’emergenza coronavirus.

In queste ore, Rashford ha mandato una lettera direttamente alla Casa dei Comuni per esortarli a proseguire nel programma di pasti gratuiti per i giovani vulnerabili.

Sui sui profili social ufficiali, l’attaccante inglese ha condiviso le sue parole mandate questa mattina al Governo: “Vi incoraggio ad ascoltare le loro motivazione e a trovare la giusta umanità. Vi prego di riconsiderare la decisione di annullare il regime del buono pasto durante il periodo delle vacanze estive e garantirne l’estensione”, queste le prime parole di Rashford che prosegue: “Questa è l’Inghilterra nel 2020, ed è una questione che necessita di assistenza urgente. Vi chiedo per favore di fare un’inversione e di rendere la protezione della vita dei più vulnerabili una priorità assoluta. Come uomo di colore di una famiglia a basso reddito a Wythenshawe, Manchester, avrei potuto essere solo un’altra statistica. Invece, grazie all’altruismo di mia mamma, della mia famiglia, dei miei vicini e dei miei allenatori, le uniche statistiche a cui sono associato sono obiettivi, presenze e convocazioni. Farei a me stesso, alla mia famiglia e alla mia comunità un’ingiustizia se non fossi qui oggi con la mia voce e la mia posizione a chiederti aiuto”.

Parole che toccano nel profondo e che si spera possano avere un esito positivo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy